Rai Linea Verde: No a mortificazione risorse interne e ad aumento costi aziendali

Rai Linea Verde: No a mortificazione risorse interne e ad aumento costi aziendali

Linea Verde, lo storico e sempre attuale programma della Rai sembrerebbe destinato qest’anno ad essere realizzato in appalto.

Dopo anni di produzione interna, con risultati qualitativi di altissimo livello, sembrerebbe “essere nata” l’esigenza di cambiare modello produttivo, costringendo così l’impiego di maestranze esterne reperite sul mercato degli appalti esterni.

È credibile che in azienda non si possa innovare i modelli produttivi utilizzando le professionalità interne?

È evidente che non è così.

Siamo certi che mantenere all’interno del perimetro produttivo RAI questa pregiata e storica produzione sia possibile. La verità è che si vuole ancora una volta bypassare il confronto col sindacato su una qualsiasi ipotesi di riorganizzazione e si preferisce rivolgersi all’esterno sfruttando un lavoro più fragile e più debole. Con un solo colpo doppio danno: marginalizzare, in barba a tutti i proclami del top management aziendale, la risorsa interna e sfruttare lavoratori più deboli e meno tutelati aumentando i costi aziendali. Fino a quando RAI può permettersi un così grave spreco di risorse?

Roma, 09 settembre 2020

Le Segreterie Territoriali

SLC-CGIL

FISTEL - CISL

UILCOM-UIL

Condividi questo post


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi